LO STUDIO

Studio San Domenico

Lo Studio Di Radiologia Medica Sandomenico è situato al centro di Napoli, in Via Roberto Bracco 15/a, nelle vicinanze di Piazza Municipio e di Piazza Matteotti (Poste Centrali).

INFO E CONTATTI

radiologia diagnostica

Per prenotazioni o informazioni
contattare il:
Tel. 0815523704
info@radiologiasandomenico.it

News

LA ELASTOSONOGRAFIA, NUOVA FRONTIERA DELL’ECOGRAFIA
UN ULTERIORE AUSILIO PER LA PREVENZIONE

L’elastosonografia, o elastografia è una nuova applicazione ed estensione della normale tecnica ecografica che permette di ottene re informazioni sulla durezza ed elasticità dei tessuti molli o dei noduli.
Il principio su cui si fonda l'elastografia è la capacità dei tessuti di deformarsi e subire la compressione della sonda ecografica, esercitata attraverso la cute.
L’elastosonografia permette di ottenere dati precisi sulla differente durezza dei tessuti ed è in pratica una sorta di palpazione elettronica. Questo esame si basa su un semplice principio: la compressione del tessuto esaminato con la sonda dell’ecografo subisce una deformazione, differente a secondo della propria composizione anatomo-istologica, minore nei tessuti duri e maggiore nei tessuti soffici, che può essere rilevata e quantificata attraverso una rielaborazione di dati effettuata dall’ecografo.

Si usano tre gradienti di colore,

blue = duro/poco compressibile,

verde = soffice/ ben compressibile,

rosso = densità intermedia/ uguale rispetto al tessuto normale:

 

Un tumore maligno tende ad essere con elevata frequenza poco o per nulla deformabile e quindi blu.
Un tumore benigno presenta una composizione e deformabilità molto simile al normale tessuto mammario e/o tiroideo e quindi si colora in verde.
La cisti, lesione liquida benigna, per il contrasto tra la densità delle due pareti anteriore e posteriore e del contenuto liquido presenta una tristratificazione che va dal rosso centrale al verde del profilo parietale anteriore al blu del profilo parietale posteriore (che appare indeformabile data la presenza del retrostante tessuto normale che la contiene).
Le principali applicazioni cliniche vanno ricondotte allo studio della mammella e della tiroide.
Altri campi di applicazione riguardano lo studio dei linfonodi, delle lesioni nodulari delle ghiandole salivari, dei testicoli e di altri tessuti molli, delle lesioni muscolari e tendinee e delle alterazioni epatiche (vedi Fibroscan).

 

Share by: